Descrizione immagine

loss of Poss di LPS TRAINING

di Alberto Meloni

18.04.2015

mi sono avvicinato dopo un percorso che ritenevo già utile alla mia formazione.


roberto collio, responsabile cogela, Torino

Io sono un blocco di testo. Clicca su di me per trascinarmi in giro o clicca su un angolo attivo per ridimensionarmi. Clicca sull'icona delle impostazioni (è quella a sinistra, è a forma di ingranaggio) per cambiare questo testo. Puoi digitare un nuovo testo al posto mio o puoi tagliare e incollare testo da qualche altra parte. Clicca fuori di me quando hai finito e qualsiasi cambiamento effettuato verrà salvato.


Vi indico alcuni dati:

 - otteniamo normalmente il 31% degli obiettivi stabiliti

- otteniamo il 25% degli obbiettivi stabiliti e riprogrammati

- ogni 4 anni commettiamo il 76% di errori di programmazione

- nel 20% dei casi commettiamo, ogni 3 anni, gli stessi identici errori

- risolviamo solo i 25% dei problemi, convinti di averli risolti definitivamente 

- i problemi che abbiamo risolto, si ripresentano almeno 3 volte nell'arco di 6 anni 

- confondiamo l'ostacolo, la difficoltà con il problema nel 68% dei casi

- risolviamo in gruppo il 38% dei problemi, da soli solo il 20%

- solo il 20% di quello che apprendiamo lo utilizziamo in modo concreto nei primi 5 anni, il restante lo perdiamo per sempre.

- affidandoci alle emozioni, sbagliamo per oltre il 65% le nostre valutazioni

- rimandiamo 1 volta su 3 nell'arco di 18 mesi e 1 volta su 5 nei mesi successivi fino al quarto anno.

- studiamo troppo e male una materia, costringendo il cervello a rigettare le cose che ci servono realmente quando siamo chiamati ad eseguire.

- Ogni soluzione umana è caratterizzata all '80% da soluzioni logiche e solo per il 12% a soluzioni emozionali.

- vogliamo sbattere il naso sulle cose il triplo delle volte che i nostri segnali di allarme ci hanno ampliamente avvisati.

- leggiamo solo per il 15% di quello che ci serve

- crediamo di sapere molto di più di quello che sappiamo nel 70% dei casi

- le nostre convinzioni si fondano su esperienze altrui o indirette per il 70% delle volte 

 

marco basi

marco basi

il LOoss of Poss già la conoscevo come scheda di rilevamento dei dati e viene utilizzata anche per l'analisi comparativa della verifica sistemica. Ritengo molto utile che se ne cominci a parlare perchè risolve.

sasaddaa

sasaddaa

weww wwe werwerw rw wewe we ew wrw we wewe we we we

* indicates required field
(this will not be published on the website)
(must start with http:// or www.)
maximum characters 1001, 1001 remaining
Bookmark and Share
Descrizione immagine

dimmi come ti presenti e ti dirò chi sei

di Alberto Meloni

23.04.2015

Dimmi come ti presenti e ti dirò chi sei.....Smettetela di raccontarci panzane!!!

Nei primi 30 secondi di un incontro con uno sconosciuto, siamo pronti a stabilire, attraverso un giudizio figlio della percezione e suggestione, l’estrazione sociale di una persona, il suo modo di comportarsi, le sue tendenze sessuali e anche con chi si relaziona, decidere se fidarci o meno di lui, semplicemente osservano il suo modo di presentarsi..

    

Questo è un clamoroso errore nonchè frutto di pseudoscienza portato avanti per anni.... Lo studio dei tratti somatici ha dimostrato che, anche se inconsapevolmente, siamo comunque colpevoli di un pregiudizio rispetto agli altri, profondamente radicato in noi. Pensiamo di capire molto nei primi 30 secondi, ma in realtà non capiamo nulla, tanto da non capire nemmeno il profilo e le attitudini, relazioni e pensieri della persona che vive con noi da anni o che frequentiamo abitualmente, tanto da “stupirci”  per quello che è per noi, un modello di reazione a comportamento non previsto da noi "catalogato".  


Siamo vicini alla credenza popolare, sperando di cogliere come esperti di comunicazione, l’idea di essere vicini all’identificazione in cosi pochi secondi, ma spesso questo si insegna che siamo semplicemente superficiali nella gestione delle nostre relazioni a tal punto da influenzare le decisioni importanti che possono determinare lo stato di equilibrio o disequilibrio della nostra vita. 

L’ 85% delle volte le nostre considerazioni relativi ai primi 30 secondi, si sono dimostrate errate e nel 90% dei casi, assolutamente lontane dalla verità. Scegliere un candidato politico, affidare i nostri investimenti a qualcuno o condannare un sospettato sono scelte dettate erroneamente dai tratti somatici altrui, persino per i più virtuosi. 


“Questo non è un modo di ragionare, piuttosto un modo di modellare la suggestione che ci fa credere o meno cosa sia “quella cosa strana” chiamata persona di fronte a noi. Una un tendenza umana preoccupante che deve essere corretta, o almeno attenuata, perché le facce non sono rivelatori validi del carattere di una persona. 


Perchè dovrei fidarmi se le persone che incontriamo contemporaneamente in quei trenta secondi anzichè una fossero  6 e la mente non è in grado di ricordare l'ordine del nome e del cognome di tutti? Le persone sono abili costruttori di strade deviate, consapevolmente o meno. 

Concludo dicendo che se sei in  grado di estrapolare nella comunicazione le cose necessarie e non quelle che desideri, ragioni per differenza:

( X ) moltiplichi le informazioni che ricevi

( + ) le sommi per ordine di appartenenza logica

( - ) sottrai le suggestioni e le percezioni

( : ) dividi nella raccolta differenziata, rimanendo con l'essenza tra le mani.  

 =  hai ragionato applicando la regola delle 3P, cioè PENSARE, PENSIERI, PENSATI...il resto è il nulla mischiato al niente.

 

 

Descrizione immagine

la  storia di LPS TRAINING

di Benedetta Consoli

Oggi ho deciso di approfondie il concetto di LPS TRAINING.

la nascita de metodo è innanzitutto dovuta ad alcune riflessioni di carattere pratico, in quanto sentivo l'esigenza di utilizare un modo comunivcativo che fosse pragmatico sino all'esasperazione, che fosse diretto e che potesse darmi i risutyati tuti e subito, ben sapendo che avrei certamente trovato delle difficoltà.

partimao dalla sigli LPS, cioè logical processing system, tradotto significa sistema di processo o programmazione logica.

il sistema PER DEFINIZIONE è un insieme di gruppi e sottogruppi di elementi che interagiscono tra di loro creando connessione. immaginaiamo quindi di trovarci di fronte ad una matassadi filo, composta da altre mataeese che, sempre insieme, contribuiscono a formare una matassa sempre più grande.tutti questi fili si connettono adersicono e si uniscono formando appunto, la nostra granjde matassa. Un grande contenitore che unisce le siongole matasse al'infinito. 

Il PROCESSO o processing significa u codice in grado di creare la creazione di linguaggi atti a sviluppae modelli ...in sotanza il processing è definito un modo di creare contenuti attraverso simboli, numeri e forme, che possano caratterizzare dei significati. per esempio possiamo prendere i segnali stradali: proviamo a pensare ad un segnalew stradale qualsiasi e come possiao vedere, ha una forma ( triangolare, rotonda, quadrata o rettangolare) e caratterizzzato da un coore ( blu queli di obbigo, rossi quelli di pericolo) ma soprattutto una icona grafica ( disegno all'interno) che ci indica un valore. quindi il segnale stradale è 1. FORMA + 2. COLORE + 3. IMMAGINE. In questo caso, sommando 1+2+3 avremo quello che definiremo processing, cioè l'elemenot che codifica un codice di interpretazione.

Adesso parliao di LOGICAL. 

La logica (dal greco λόγος, logos, ovvero "parola", "pensiero", "idea", "argomento", "ragione", da cui poi λογική, logiké) è lo studio del ragionamento e dell'argomentazione e, in particolare, dei procedimenti inferenziali, rivolto a chiarire quali procedimenti di pensiero siano validi e quali non validi.

quindi LPS si occupa atraverso un processo di argomentazione di stabilire il significato dei contenuti: questo non avviene semplicemnete attraverso l'analisi linguistica ( scritta), am viene applicata anche e soprattutto al comportamento umano ( verbale.-comportamentale):

controllare un modello significa conoscere i processi e essere in grado di destrutturalie ricostruirli - come aver in mano un cubo di rubik- perchè le associazioni del processo sono codificabili, ripetibili e deducibili per forma e per sostanza- sappiamo come è fatto il cubo di rubick? si. Siamo in grado di risolvere il quesito? difficilmente.. strano, se sappiamo come è fatto nei singoli pezzi di appartenenza, come mai non riusciamo a risolverlo? 

POSSIAMO DIRE QUINDI CHE lps nasce da teorie e modelli di logica che definisono i principio della deducibilità delle cose, dell'analisi dei contenuti e degli scopi che anticipano una causa-reazione-effetto.


L'integralismo massificante di alcuni "addetti" alla formazione nel continuare a ripetere come un mantra che" tutto quelo che abbiamo è dentro di noi",oltre che logico, potrei dire ovio ma sarebbe banale, è la frase shck che ci sentiamo raccontare con convinzione e determinazione da coloro che, usciti da un corso motivazionale, hanno scritto ed incioso nella loro mente come una targa per una autovettura.

'Proviamo a pensare al comportamento umano e chiediamoci cosa sia possibile fare o meno e la risposta è quasi tutto. In realtà è una bugia!


marco basi

marco basi

il LOoss of Poss già la conoscevo come scheda di rilevamento dei dati e viene utilizzata anche per l'analisi comparativa della verifica sistemica. Ritengo molto utile che se ne cominci a parlare perchè risolve.

sasaddaa

sasaddaa

weww wwe werwerw rw wewe we ew wrw we wewe we we we

* indicates required field
(this will not be published on the website)
(must start with http:// or www.)
maximum characters 2500, 2500 remaining