ANALISTA dei PROCESSI LINGUISTICI 2° LIVELLO

Lead Researchd of Logical Processing System 

Descrizione immagine
Descrizione immagine

PERCORSO 2° LIVELLO LPS

Descrizione immagine
Descrizione immagine

MOTIVAZIONE LOGICA

FASE 1, FASE,3 FASE 4

WEEK END

16 ORE DI PROGRAMMA


Descrizione immagine

la motivazione programmata: come si costruisce la motivazione e si creano programmi di autoalimentazione indotta, cioè una volta messo in moto il motore mentale, non occorre spingere, piutosto alimentare la mente con il carburante prodotto da questo motore di scorta. la motivazione programmata, appunto.

la motivazione indotta: come creare una pianificazione sulla motivazione logica quando i sistemi di collegamento logici sono momentaneamente interri

strumenti di implementazione motivazionale:otti. può succedere quandoi, per esempio, siamo certi di procedere nel giusto modo, ma variabili esterne ci riportano ad una condizione detta" primagenesi2 , quella condizione che ci fà confonder eil ricoro con lo strumento che in realtà ci serve per risolvere, implemetare e valorizzare il pensiero logico.creazione di programmi 

i piani logico-mentali di equilibrio: sono i piani, già visti nei cori precedenti, che riguardano lòa costruzione fortificata del pensiero motivazionale. si parte dalla destrutturazione, annullamento e isolameno del concetto del pensiero logico per arrivare ad una nuova creazione argomentat della comunicaione..uun pò come riscostruire sulle ceneri la casa, tenendo per buono solo alcuni piccoli matttoni salvai dall'incendio.


Descrizione immagine
Descrizione immagine

PROBLEM SOLVING

WEEK END

16 ORE DI PROGRAMMA


Descrizione immagine

Quando programmiamo le cose siamo bravi. Cominciamo a pensarle.. poi pensiamo di farle, poi ancora decidiamo che pensare non basta più ed iniziamo finalmente  a farle! bene. Cominciamo dalla prima cosa, poi la seconda, passiamo alla terza perchè abbiamo trovato un pò di difficolta (la facciamo dopo, tanto...), poi la quarta, anzi no, la sesta, la settima...uhm, meglio tornare alla quinta.. si, facciamo la quinta ma, attenzione, è sopraggiunta la settima, l'ottava,.. la decima?? no, devo fare la ... uhm vediamo, la quarta? ehm.. un attimo..


Mind orienteering 1: tecnica di orientamento verso l’obbiettivo: in particolare distingue il desiderio protratto nel tempo che cambia identità e diventa bisogno: Come lavorare per soddisfarlo secondo il proprio stato di necessità.

visione sistemica 
conoscenza sistemica 
interrelazioni sistemiche

Gli obbiettivi generali: vengono identificati tutti i tipi di obbiettivo ( lineare, doppio, multiplo, semplice, etc..) e si studia la creazione e la valorizzazioen delle variabili di condizionamento.

 

Tecnica O.L.S. : si utilizza la tecnica FASICA di LPS per la frammentazione e griglia dei comandi. In sostanza si tratta di "processare" attraverso la logica della sequenza, tutte le fasi che ci portano a valutare il livello di importanza di un obbiettivo rispetto al tempo che abbiamo calcolato per raggiunfgerlo. La griglia O.LS. ci metterà in evidenza la complessità e l'approssimazione di un comportamento non controllato verso il nostro programma e ci fornirà gli strumenti correttivi reali.

 

LPS W2: pensi e ottieni risultati. Questo schema si sovrappone a LPS W1 e ci da, come fosse una cartina tornasole, il programma più attendibile e concreto per il nostro progetto. 


Descrizione immagine
Descrizione immagine

PUBLIC SPEAKING

WEEKEND

16 ORE DI PROGRAMMA

Descrizione immagine


Costruzione personale creativa: si crea il proprio personaggio e si potenziano gli strumenti che si avvicinino il più possibile al nostro modello quotidiano di comportamento senza stravolgere il “proprio senso comunicativo”.                   

Calibratura vocale: creazione di un messaggio elaborato secondo la timbrica, intonazione, vocalizzazione.

Tecniche espositive:  come utilizzare correttamente la comunicazione sensoriale.

Controllo emozionale: studio e controllo degli stati emozionali.  

Tecnica outdoor e indoor: impostazione delle tecniche di "basic vision".

LPS e applicazioni: applicazioni sulla strutturazione dello speaker nello spazio. 

Allestimento e cromatismo: come utilizzare i colori in ambiente outdoor-indoor per creare assertività e ancoraggio con la sala.

 

Descrizione immagine

WEEK END

16 ORE DI PROGRAMMA

Descrizione immagine
Descrizione immagine

GESTIONE TEMPORALE

strumeni analitici del tempo: si apprende la storia e le regole del fattore tempo attraverso la metrica che lo cobntraddistingue, dalla antichità ad oggi.


come identificare il tempo: si apprende lo strumento che occorre per modellare il tempo e le sue dinamiche secondo i criteri logici.


applicazione del tempo nelle gabbie di OLS: tutti i modelli appresi in precedenzza 8 GEOUT, SPIRALE di GENESI, aglops) vengono aggiunti e integratio altri modelli da riteneri fondamentali per provedere in qualsiasi situaione ad un corretto modello di interazione e comunicazione con gli altri,. L'approccio ai nuovi modelli ch verranno illustrati, consente al partecipante di rendersi conto di quanto suia imnplementabile il modello di lavoro. 


Descrizione immagine

WEEK END

16 ORE DI PROGRAMMA

 

Descrizione immagine

I MODELLI 

Descrizione immagine


Il colore nella preistoria: Le prime testimonianze sull’uso del colore risalgono ai dipinti rupestri di epoca preistorica.Gli uomini decoravano le pareti con terre e pigmenti minerali frantumati e mescolati a grasso animale o vegetale che, evaporando, permetteva una buona adesione del colore al substrato.

 

modello AGLOPS 2: entriamo nell'approfondimento di questo modello che è in grado di analizzare e creare un percorso di comunicazione lavorando sulle immagini e suio colori.

modello di GEOUT 2 : approfondimento dl GEOUT applicando questo modello a qualsiasi condizione uman legta alle relazioni personali.

modello di IPERANALISI:

modello di GENESI:

modello LOGIMETRICO:

Descrizione immagine

WEEK END

16 ORE DI PROGRAMMA


Descrizione immagine

TEAM BUILDING

Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine

Questo modulo ha il compito di "informare" coloro che desiderino affrontare una esperienza "in solitario", in luoghi e zone difficilmente raggiungibili, quali siano le tecniche di "base", al fine di  evitare di trovarsi in serie difficoltà.

L'apprendimento delle nozioni presenti in questo modulo, non è sufficiente per affrontare prove di particolare rischio ed isolamento, ma piuttosto è l'inizio della conoscenza dell' autogestione psicologica in caso di sopravvivenza.

Il pensiero estremo: analisi segmentata con LPS del pensiero e del comportamento "estremo", suggestionato e condizionato da stati psicologici non controllati.

 

Tecniche di orienteering: individuazione e creazione delle tecniche di orientamento in area non conosciuta.

 

Autogestione psicologica motivazionale: insegnamento delle tecniche LPS per l'analisi del pre-disagio emozionale degli stati di ansia, panico,  e tecniche di controllo sulle variabili derivanti dalla suggestione dei suoni, odori, rumori ambientali.

 

Mappale di ricovero: costruzione di ricovero adeguato in diversi livelli di necessità e bisogno.


tecniche di orienteering base:

creazione di un gruppo:

gestione di un gruppo:

analisi e variazioni di onflitto:

ottimizzazione delle procedure:

gestione delle eoluzioni e programmi:

siamo giunti alla fine del percorso denominato BASIC 1 con la conclusione del terzo ed ultimo modulo. Adesso abbiamo tre mesi di tempo per prapararci per L'ESAME che ci consente di capire quanto abbiamo appreso durante queste tre giornate.

Descrizione immagine

ESAME GENERALE DI APPRENDIMENTO CORSO L

obbligatorio per coloro che vogliono proseguire il percorso di formatori analisti di 2° livello

Il risultato dell'esame è una votazione espressa in 100esimi, in funzione al punteggio raggiunto nell'esame stesso e per l'accesso al percorso FORMATORI è necessario totalizzare un punteggio minimo di 80/centesimi. I caso di non raggiungimento di tale risultato, l'allievo potrà ripetere il proprio esame entro un periodo massimo di 6 mesi successivi al primo.


Caratteristiche didattiche dell'esame

l'esame ha una durata massima di 4 ore è prevede in aula la presenza di un Master LPS con un massimo di 2 Analisti LPS. I temi dell'esame sono uguali per tutti i presenti. Alla consegna dei test e della documentazione necessaria per lo svolgimento dell'esame, i partecipanti avranno un tempo massimo di 2 ore e 55 minuti per ultimare la prova, alla scadenza del tempo previsto, consegneranno il materiale alla persona delegata e presente in aula. I risultati degli esami verranno comunicati singolarmente ad ogni partecipoante senza rendere noto, salvo accordi individuali, l'esito maturato.

PROCEDURE STANDARD DI ESAME

  

50 DOMANDE CON DOPPIA RISPOSTA ( SI o NO) - MAX 12,5 PUNTI

Ogni risposta esatta equivale ad 0,25 PUNTI.

 

3 ESERCIZI BASICI - MAX 6 PUNTI

Sono gli esercizi, connsiderati semplici, indicanti tutte le FASI di LPS TRAINING. Ogni esercizio esatto, equivale a 2 PUNTI.


3 ESERCIZI COMPLESSI - MAX 12 PUNTI

Sono gli esercizi previsti dalla FASE 1 alla FASE 9 relativi alle simbologie descrittive del TRIAL LPS. Ognoi esercizio esatto equivale a 4 PUNTI.


PRODUZIONE DI MINITESI A SCELTA - MAX 14 PUNTI

Il partrecipante può consegnare al proprio LR, almeno 7 giorni prima della data dell'esame, la propria minitesi riguardante un argomento a scelta trattato nel modulo Basic. Dovrà essere prodotta in f.to World con eventuali immagini (facoltative) e riassunta in un max di 8 fogli A4.

PRESENTAZIONE DI UN PROPRIO CASE HISTORY  -  MAX 30 PUNTI

presentazione in aula con tutti i supporti video, audio che il parteipante sceglie, relativi alla risoluzione i un problema e interveno risolutivo.

  • mancata presentazione della tesi: 0 PUNTI
  • presentazione minitesi: 6 PUNTI
  • Minitesi ritenuta soddisfacente: 9,5 PUNTI



Descrizione immagine

PERCORSO ASSISTENZE 

ATTIVE E PASSIVE

qui sulla destra è indicao tuto il percorso LOGICAL mind composto da L1 A L6 per un totale di 40 ore di aula, alla scadenza delle quali, si accede all'esame di verifica. In queso caso è necessario, ma solo per coloroche vogliono proseguire il percorso di ANALISTa DEI processi linguistici, totalizzare un punteggio di esame non inferiore agli 80 centesimi. In caso contrario, si potrà ripetere l'esame entro i 4 mesi dall'utimmo esame effettuato e comunque fino ad un massimo di 2 volte entro i 12 mesi successivi al primo esame. 

le ASSISTENZE ATTIVE e PASSIVE sono il momento assolutamente pratico nel quale l'alòlievo ha la possibilità di mettere a frutto ttto ciò che ha imparato, appreso, pe ril quale è stato educato

ASSISTENZA PASSIVA

l'allievo partecipa in qualità di assistente alla formaione di ogni singolo corso 8 precedentemente da lui effetuato in qualità di partecipante), con il supporto di un ANALISTA CERTIFICATO che svolgerà direttamente la formazione di aula. il compito dell'allievo, una volta istruito, sarà quello di OSSERVAORE delle dinamiche di sala. 

ASSISTENZA ATTIVA

in questa fase, seguieno le procedure di frequenza per tutti i corsi come nelle assistenza passiva, l'allievo ha il compito di condurre ditettamente la formazione d'aula in qualkità di analista in mission, e per fare questo viene supportato dall'anailsta che ha il compito di intervenire in vcaso di necessità.


al completamento di tuto il percorso di ASSISTENZA ATTIVA e PASSIVA si può proseguire per affrontare

 la formazione denominata LM

Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine

COME SI UTILIZZA LA COMUNICAZIONE E SI COSTRUISCE UN MODELLO PERSONALE 

2 GIORNATE CONSECUTIVE

Descrizione immagine
Descrizione immagine

stusio dell'immagine e personalità.

crazione di modello pubblico:

Corso di CREAZIONE DI UN VIDEOCLIP

Corso pratico volto a esplorare i segreti della realizzazione di un videoclip musicale. Scopri le tecniche di sincronizzazione, l’uso avanzato delle luci, gli effetti di montaggio.

le iperinformazioni:

tudio del suono:Una prima definizione che possiamo dare è che quello che noi percepiamo come suono è una variazione, rispetto ad un valore costante, della pressione dell'aria. Quando questa variazione viene ripetuta ciclicamente un certo numero di volte in un intervallo di tempo, che definiremo meglio in seguito, percepiamo un suono. Affinché un suono si possa propagare, ha bisogno di un mezzo che lo trasporti; l'aria è uno di questi in quanto le sue particelle, come vedremo, si trasmettono l'un l'altra la vibrazione generata dalla sorgente sonora e la propagano nello spazio. Questo significa che qualsiasi mezzo, solido, liquido o gassoso che sia, è in grado di trasportare il suono, influendo sulla sua velocità a seconda della propria densità. Come mezzo di riferimento per i nostri esempi considereremo l'aria essendo quello con cui avremo a che fare nei casi pratici.

  • frequenza
  • periodo
  • lunghezza d'onda
  • ampiezza
  • velocità  
Descrizione immagine
Descrizione immagine

COMUNICAZIONE AMBIENTALE

 E ANALISI DELL'IMPATTO:


2 GIORNATE CONSECUTIVE

Descrizione immagine

outdoor mission 1

comunicazione sensoriale: attraverso un percorso noturno possiamo renderci copnto di come utilizzaiimo i nostri 5 sensi. spesso sovralimentiamo un senso a discapito di un altro e lo facciamo in orma indotta e non ragionat. saper utilizzare la comunicazione sensoriale al meglio, significa procedere verso una maggior consapevolezza dell'utilizzo dei nostri strumenti natutrali.

percorso sensoriale: 

s


creazione di uno screening.

tavole logico-attive:

tavole logico-propositive:


  


 

 

Descrizione immagine
Descrizione immagine

VERIFICA E CONTROLLO SISTEMICO

 DEI PROCESSI: IN QUESTO ULTIMO CORSO TUTTI I MODELLI PER ANALIZZARE  LA COMUNICAZIONE IN TEMPO REALE

2 GIORNATE CONSECUTIVE

Descrizione immagine

ouitdoor mission 2:

case history:

OLS- Object LPS System:

outdoor mission:

executive project:

ESAME GENERALE DI APPRENDIMENTO CORSO BASIC 2

obbligatorio per coloro che vogliono proseguire il percorso di formatori analisti

 

Il risultato dell'esame è una votazione espressa in 100esimi, in funzione al punteggio raggiunto nell'esame stesso e per l'accesso al percorso FORMATORI è necessario totalizzare un punteggio minimo di 80/centesimi. I caso di non raggiungimento di tale risultato, l'allievo potrà ripetere il proprio esame entro un periodo massimo di 6 mesi successivi al primo.

 

Caratteristiche didattiche dell'esame

l'esame ha una durata massima di 4 ore è prevede in aula la presenza di un Master LPS con un massimo di 2 Analisti LPS. I temi dell'esame sono uguali per tutti i presenti. Alla consegna dei test e della documentazione necessaria per lo svolgimento dell'esame, i partecipanti avranno un tempo massimo di 2 ore e 55 minuti per ultimare la prova, alla scadenza del tempo previsto, consegneranno il materiale alla persona delegata e presente in aula. I risultati degli esami verranno comunicati singolarmente ad ogni partecipoante senza rendere noto, salvo accordi individuali, l'esito maturato.

PROCEDURE STANDARD DI ESAME

  


50 DOMANDE CON RISPOSTA E SPIEGAZIONE - MAX 50 PUNTI

Ogni risposta esatta alla domanda equivale ad 1 PUNTO

 

3 ESERCIZI COMPLESSI - MAX 15 PUNTI

Sono gli esercizi previsti dalla FASE 1 alla FASE 9 relativi alle simbologie descrittive del TRIAL LPS. 

Ogni esercizio esatto equivale a 5 PUNTI.


RISOLUZIONE DI PROBLEMA CON CASE HISTORY

 l'esercizio non prevede la possibilità di errore e in caso di esercizio esatto equivale a 20 PUNTI


PRODUZIONE DI MINITESI A SCELTA - MAX 14 PUNTI

Il partrecipante può consegnare al proprio LR, almeno 7 giorni prima della data dell'esame, la propria minitesi riguardante un argomento a scelta trattato nel modulo Basic. Dovrà essere prodotta in f.to World con eventuali immagini (facoltative) e riassunta in un max di 8 fogli A4.

  • mancata presentazione della tesi: 0 PUNTI
  • presentazione minitesi: 3 PUNTI
  • Minitesi ritenuta soddisfacente: da 5 a 15 PUNTI

 

 

hai concluso sia il BASIC 1 che il BASIC 2 e sei in grado certamente di migliorare in modo decisivo applicando le tecniche che hai appreso, la tua qualità della vita sia professionale che sociale.

INIZIA IL TUO CICLO DI ASSISTENZE PASSIVE E ATTIVE

Descrizione immagine
Descrizione immagine

Io sono un blocco di testo. Clicca su di me per trascinarmi in giro o clicca su un angolo attivo per ridimensionarmi. Clicca sull'icona delle impostazioni (è quella a sinistra, è a forma di ingranaggio) per cambiare questo testo. Puoi digitare un nuovo testo al posto mio o puoi tagliare e incollare testo da qualche altra parte. Clicca fuori di me quando hai finito e qualsiasi cambiamento effettuato verrà salvato.

LE ASSISTENZE ATTIVE E PASSIVE

ESAME GENERALE DI APPRENDIMENTO ASSISTENZE  BASIC 1  - F1

obbligatorio per coloro che vogliono proseguire il percorso di formatori analisti

 

 

Descrizione immagine

CONCLUDENDO IL 2° livello DI lps training L'ALLIEVO A OTALIZZATO UN TOTALE DI.

40 ore di formazione L

80 ORE DI ASSISTENZA PASSIVA di L

80 ORE DI ASISTENA ATTIVA di L

48 ORE DI FORMAZIONE LM

48 ORE DI ASSITENZA PASSIVA DI LM

48 ORE DI ASSISTENZA ATTIVA DI LM



Descrizione immagine

CERTIFICAZIONE DI 

ANALISTA in PROCESSI LINGUISTICI

Descrizione immagine

Io sono un blocco di testo. Clicca su di me per trascinarmi in giro o clicca su un angolo attivo per ridimensionarmi. Clicca sull'icona delle impostazioni (è quella a sinistra, è a forma di ingranaggio) per cambiare questo testo. Puoi digitare un nuovo testo al posto mio o puoi tagliare e incollare testo da qualche altra parte. Clicca fuori di me quando hai finito e qualsiasi cambiamento effettuato verrà salvato.

informazioni al consumatore


per la sua peculiarità il metodo LPS TRAINING è oggetto costante di copiature da parte di organizzazioni e soggetti non autorizzati che vantano di appartenere alla nostra organizzazione. Tali soggetti rilasciano cerificazioni che nulla hanno a che vedere con la nostra metodologia. E' imnportante sapere che l'unico soggetto autorizzato al rilascio della certificazione è l'autore stesso e i siti ufficiali di riferimento sono esclusivamente www.lpstraining.it e www.lpstrainingitalia.it 

 

 staff LPS TRAINING